Share on Facebook... 

Math   Science   Chemistry   Economics   Biology   News   Search

> Nanotech The Present Issue: 2014-2 Section: 17-19

Download PDF

English

 

Introduzione

Quella nano è una tecnologia che permette di manipolare proprietà e strutture dei materiali per nuove e, spesso, inaspettate caratteristiche che permettono applicazioni fino ad ora impensabili.

Le nanotecnologie spesso impiegate hanno la grandezza di un capello umano, che può variare da 1 a 100 nanometri. Le nanotecnologie possono es

sere utilizzate in vari campi come: abbigliamento, cosmetica, fisica, chimica, medicina e computer. Nel nascente campo della nanotecnologia, aperta da rapidi progressi nella scienza e nella tecnologia, si creano una miriade di nuove opportunità per far progredire la scienza. L’universalità della nanotecnologia è applicata a quasi ogni campo della vita moderna. Grazie alle nanotecnologie la vita umana potrebbe migliorare. Gli attuali studi applicano le nanotecnologie in campi moderni quali medicina, ecologia, tecnologia, materiali e nutrizione.

Un settore molto fiducioso nel futuro delle nanotecnologie è la medicina. Grazie a questo tipo di tecnologia è possibile facilitare le diagnosi per i medici. Al giorno d’oggi, i trattamenti antitumorali colpiscono ogni cellula del corpo, e non solo le cellule tumorali, ma grazie alle nanotecnologie, la nano-medicina può essere introdotta direttamente nella zona interessata del corpo del paziente; al fine di non compromettere altre parti del corpo non coinvolto nella malattia.

I ricercatori hanno sviluppato i nanocompositi, un insieme di nanoparticelle composta da diversi elementi che possono risolvere il problema dell’inquinamento. Il Pacific Northwest National Laboratory ha scoperto che questi nanocompositi possono assorbire l’acqua inquinata se le loro basi sono principalmente composte da silicio. Al fine di rimuovere il solvente chiamato TCE, le nanoparticelle, attraverso una reazione chimica, sono in grado di convertire tutte le contaminazioni e renderlo inoffensivo. Il sistema di deionizzazione che utilizza elettrodi composti da nanofibre, può rimuovere il sale dall’acqua: questo metodo può utilizzare l’acqua potabile come energia, riducendo i costi. Questo potrebbe essere una soluzione per ridurre l’inquinamento negli oceani, uno dei più grandi problemi del nostro pianeta.

Alcuni scienziati hanno sviluppato nuove tecniche per il raffreddamento dei chip dei computer, utilizzando nanotubi di carbonio. È stato realizzato un esperimento dove i nanotubi di carbonio e superfici metalliche erano in contatto, e si è scoperto che i flussi fra i due corpi sono aumentati di sei volte. Questo significa che il raffreddamento e l’efficienza del pc è moltiplicato. Questa tecnica utilizza gas liquidi a bassa temperatura, che facilitano la produzione di legami chimici covalenti che funzionerà con i metalli formando ossidi come silicio e metalli nobili come oro o rame.

Gli scienziati stanno ottenendo ottimi risultati nella sperimentazione di nuovi tessuti resistenti alle macchie, all’acqua e agli acidi forti. Questi tessuti sviluppano un metodo speciale chiamato LBL, letteralmente strato per strato. Questo metodo sfrutta materiali composti da strati di cariche positive e negative. In questo modo è possibile utilizzare metodi diversi a seconda dell’utilizzo che si intendete fare. Inoltre, alcuni test di laboratorio hanno dimostrato che questo rivestimento applicato al cotone diventa impermeabile alle sostanze quali acidi, basi e solventi organici.

Un’altra caratteristica di questo tessuto è la grande forza che ha. Alcuni scienziati hanno voluto sviluppare un modo per stabilizzare questi strati con la luce, in modo da formare un rivestimento che utilizza la superficie naturale delle forze per respingere l’acqua e altri materiali.

 

La nanotecnologia, come abbiamo visto, è coinvolta in tutti i settori, compreso quello del cibo. I ricercatori hanno iniziato ad affrontare questo settore attraverso potenziali applicazioni per alimenti funzionali e nutraceutici. Queste applicazioni includono nuovi meccanismi coinvolti nell’ingegneria dell’immateriale per indirizzare la consegna dei composti bioattivi e micronutrienti. Essi sono stati progettati in laboratorio, e sono molecole biologiche con funzioni diverse da quelle che hanno in natura che aprono ad una nuova area di ricerca e sviluppo. Queste tecnologie garantiscono un’efficienza di ingredienti attivi rispetto ad altri agenti avvolgenti tradizionali. Ciò ha permesso lo sviluppo di nano-emulsioni, liposomi, micelle, polimerici complessi, portati a migliorare le proprietà dei composti bioattivi, tutela di sistemi di erogazione controllate, integrazione di matrice alimentare e mascheramento di sapori indesiderati.

 

Conclusioni

I sostenitori della nanoscienza e della nanotecnologia sostengono che questo campo trasformativo potrebbe radicalmente modificare aspetti fondamentali della nostra società. Se la ricerca è organizzata in modo efficace, il perseguimento di questi obiettivi sociali e ambientali potrebbe aiutare a incentivare le risorse delle nazioni meno sviluppate.

Tra tutti i benefici promessi dalla nanoscienza e dalla nanotecnologia, la prospettiva di migliorare la qualità delle scienze su scala globale può essere il vantaggio più importante di tutti.

 

Bibliography

  • David Rejeski, http://www.nanotechproject.org/news/archive/
  • nanotechnology_medicine_bioethics/ Todd Kuiken, Nanotechnology and Medicine,Project on Emerging Nanotechnologies, Washington, DC, July 2 2007
  • Dan Hogan and Michele Hogan, http://www.sciencedaily.com/releases/
  • 2012/04/120425140407.htm Beyond stain-resistant: New fabric coating actively shrugs off gunk, April 25 2012
  • Madhu Lundquist, www.nanotech-now.com/current-uses.htm Current Nanotechnology Application, 22 May 2012
  • http://www.eurekalert.org/context.php?context=nano&show=essays K. Eric Drexler, The future of nanotechnology
  • https://www2.aus.edu/conferences/sharjah-nano/resources/Hassan_Science_Nano-art.pdf Mohamed HA Hassan, Small Things and Big Changes in the Developing World, July 1 2005
  • http://royalsociety.org/news/metro/nanotechnology/ T. E. Dorizinksi, Nanotechnology
  • http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK32730/ Application of Nanotechnology to Food Products, National Academies Press (US), Washington (DC), December 10 2008
  • http://bionanotech.uniss.it/?p=1221 Water Pollution and Nanotechnology, Bionanotechnology, Laboratory of Sassari University, Sassari (IT), November 18 2011

 

Iconography

  • JimmyWales, http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/a/ae/Comparison_of_nanomaterials_sizes.jpg, Sureshbup, St. Petersburg, Florida, Stati Uniti, 26 April 2014
  • http://scienceroll.files.wordpress.com/2014/01/bigstock-nanobots-7414004.jpg, Bertalan Mesko, Nanotechnology to be included in the medical curriculum, 3 January 2014
  • http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/75/Colloidal_nanoparticle_of_lead_sulfide_%28selenide%29_with_complete_passivation.png, Zherebetskyy, Science 344, 1380 (2014)Nanoparticle,Wikipedia Foundation (San Francisco USA), 26 June 2014
  • http://www.daniblog.it/blogtech/wp-content/uploads/2014/05/Types_of_Carbon_Nanotubes.png, Nanotubo di carbonio, Michael Ströck, Wikipedia Foundation (San Francisco USA), 7 June 2006
  • http://www.rezz.ch/uploads/1/1/4/6/11463028/3420794_orig.jpg, Protettivo nanotecnologico tessuti idro-oleorepellente e antimacchia, Firenze
  • http://worldfoodscience.com/sites/default/files/Nanotech-concerns-highlight-core-research-needs_medium_vga.jpg, Consumers International webinar: Nanotechnology and food safety, 9 November 2012
  • http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/3/3e/Scientist_in_the_LCN_cleanroom_photolithography_lab.jpg, Talk:Cleanroom, University College London Faculty of Mathematical & Physical Sciences, Wikipedia Foundation (San Francisco USA), 26 June 2013